la logica del (dannato) branco

the end

Ieri sera un amico mi passa al telefono, perché mi salutasse, il figlio di sei (ormai sette) anni Marco, che mi chiama ‘zio’. Lui fa la prima elementare. Io gli domando come va a scuola, e lui, dopo un qualche secondo di silenzio, in modo da pensarci bene, mi fa da paraculetto qual è: ‘Sono contento perché siamo 25 e quando faccio un malestro posso dare la colpa a un altro’. E io: ‘Beh, e cosa vorresti dire? Non mi sembra bello’. E lui: ‘Qui a casa sono da solo e quando faccio un malestro non posso dare la colpa al gatto… babbo e mamma non ci credono che il gatto ha aperto il dvd per guardare dentro com’è fatto’, poi si è messo a ridere.

Che dire? Ineccepibile.

Se si è propensi a fare dei malestri meglio essere in branco, mai farsi beccare quando non puoi dare la colpa a un altro. Marco ha già capito molto della vita. Penso che da grande sarà un buon candidato per andare in Parlamento… avrà a disposizione altri 629 a cui poter addossare questa o quella colpa. Non possiamo certo dire che la scuola italiana non ti insegni un fico secco” – Gian Ruggero Manzoni

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in flash e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a la logica del (dannato) branco

  1. Walter ha detto:

    Questo lo sa (e lo fa ), pure quel “branco di lupi solitari” dei verdiniani. ;-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...