liberalismo

la tomba di Piero Gobetti (1901-1928) al cimitero di parigino di Père Lachaise

la tomba di Piero Gobetti (1901-1926) al cimitero parigino di Père Lachais

Maurizio Viroli nel suo pezzo su FQ di ieri, tra l’altro scrive: “Piero Gobetti è stato un intransigente, questo suo vizio capitale in un paese come l’Italia dove i più non capiscono, o fingono di non capire, che vi sono tempi o circostanze in cui l’intransigente è il vero realista e il fautore dell’accomodamento è un povero illuso”.

Chi ha avuto ragione, alla luce della storia, quelli che hanno cercato fino all’ultimo l’accordo con Mussolini nella speranza di attenuarne le ambizioni eversive, o Piero Gobetti che fin dalla marcia su Roma chiamava alla lotta senza quartiere?“.

Gobetti che morì venticinquenne in seguito alle conseguenze delle percosse subite dai fascisti, capì per primo che il fascismo non era un episodio, ma era e rimane “l’autobiografia di una nazione” che ancora risponde al nome di Italia.

Renzo De Felice, controverso storico liberale, nella sua Intervista sul fascismo, a proposito dei molti danni fatti dallo stesso, ci ricorda che “uno dei danni più grossi è stato quello di lasciare in eredità una mentalità fascista ai non fascisti, agli antifascisti, alle generazioni successive anche più decisamente antifasciste ( a parole, e nella loro più ferma e sincera convinzione).  Una mentalità fascista che va combattuta in tutti i modi, perché pericolosissima. Una mentalità di intolleranza, di sopraffazione ideologica, di squalificazione dell’avversario per distruggerlo.

C’est à dire che questo bel paesino che il fascismo l’ha inventato e poi esportato, è rimasto ancora tale & quale…

vedi anche > il post di Mirco Dandi su ilfattoquotidiano.it

 

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in articoli, bersagli e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...