familismo amorale italiota

famiglia italiota tipica

famiglia italiota tipica

Babboccioni, che poi sarebbero i babbi dei bamboccioni, è il titolo dell’editoriale di Marco Travaglio su il Fatto Quotidiano oggi in edicola, che  invitiamo chi se la voglia davvero spassare, ad acquistare prima che vada esaurito e del quale, giusto per invogliarvi, riproduciamo di seguito un brano che Luigi Barzini jr, progenitore dei pochi liberal degni dell’appellativo, scrisse ne Gli Italiani la bellezza di 51 anni fa (1964)!

Il primo centro di potere è la famiglia, una cittadella in territorio ostile:entro le sue mura e tra i suoi componenti, l’individuo trova consolazione, soccorso, consiglio, nutrimento, prestiti, mezzi, armi, alleati e complici che l’aiutano nelle sue imprese… l’Italia non è una nazione ma una federazione di famiglie (…) la famiglia impegna in primo luogo la fedeltà di tutti. Deve essere difesa, arricchita, resa potente, rispettata e temuta” con “tutti i mezzi indispensabili, legittimi se possibile, o illegittimi”. “La maggior parte degli italiani ubbidisce ancora a un duplice codice morale. Vi sono norme valide nell’ambito della cerchia familiare diverse da quelle che regolano la vita fuori di casa (…) Ogni autorità legale e ufficiale viene considerata ostile finché non abbia dimostrato di essere amichevole o innocua; se non la si può ignorare, la si deve aggirare, neutralizzare,o, se necessario, ingannare“.

Parole che paiono scritte oggi – conclude Travaglio – sul viluppo di affacci e furbacchionerie provinciali, da contado toscano, che stanno dannando il governo Renzi. Quando la vedova Moro rivelò che il marito aveva un conto in Svizzera, in barba alla legge, ‘per timore del golpe’, Montanelli scrisse che i politici, quando morivano, avrebbero dovuto portarsi nella tomba mogli e figli. Troppo complicato: messi come siamo, non resta che affidarci a figli unici, celibi o vedovi, sterili e soprattutto orfani“. Punto

 

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in consigli per gli acquisti, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...