Usa amore /odio /2

from Salvatore Lamanna

from Salvatore Lamanna

E’ da tempo che non leggevamo Internazionale, una rivista di cui eravamo lettori puntuali, abitudine dismessa in seguito al suo approccio progressista d’antan, nel senso di dedito-dedicato al sistematico quanto pervicace piagnisteo di tutti ma proprio tutti i supposti mali del mondo & chi più ne ha più ne metta…

Sennonché, proprio oggi, attratti dalla copertina nel numero 1133 in edicola, dedicata a quattro pezzi di Arundhati Roy e John Cusack, sintetizzati nel titolo di copertina Tutto quel che non si può dire sugli orrori della guerra in Vietnam – sottotitolato: l’ipocrisia dell’occidente sullo Stato islamico, le colpe del capitalismo e l’arroganza degli Stati Uniti – abbiamo acquisito et avidamente letto il resoconto che i due succitati autori – coadiuvati da Daniel Ellsberg, dipendente pentito di Robert McNamara suo diretto superiore al Pentagono – hanno redatto in seguito a una visita congiunta a Edward Snowden in quel di Mosca, ricavandone un articolo pubblicato il 16 novembre 2015 sul settimanale indiano Outlook, che racconta alfa trasferta dagli stessi John Cusack e Arundhati Roy nel dicembre del 2014, e che finalmente esce anche in Italia con un anno e un mese di ritardo esatto.

L’americano John Cusack è un attore, sceneggiatore e produttore cinematografico che fa parte della Freedom of the press foundation, un’organizzazione non profit che promuove la libertà d’espressione. Arundhati Roy è una scrittrice indiana che ha vinto il Booker prize nel 1997, mentre i veri protagonisti di questa non fiction story che presumibilmente si trasformerà in un film, sono Edward Snowden “il serio e coraggioso santo della riforma liberale” e Julian Assange ” una sorta di profeta selvaggio e radicale” – come la Roy definisce entrambi.

Un viaggio per capire il mondo/ dialogo tra John Cusack e Arundhati Roy

AR Dopo l’11 settembre 2001 si aspettano che dimentichiamo tutto quello che è successo prima, perché la storia comincia da lì. D’accordo, ma dal 2001 quante guerre sono cominciate, quanti paesi sono stati distrutti? (…) A proposito dell’Irak è giusto costringere un paese a disarmarsi e poi bombardarlo? Continuare ad alimentare il caos nella regione? Fingere che si stia combattendo il fondamentalismo islamico quando in realtà si stanno f facendo cadere tutti i regimi islamici che non sono fondamentalisti? (…) L’America è come un gigante impazzito che si muove goffamente tra i poveri con le tasche piene di soldi e di armi, e li getta in giro a caso. Non sapete neanche a chi li state dando (…) Tutta la distruzione che c’è stata dopo l’11 settembre, tutti i paesi che sono stati bombardati, non hanno fatto altro che riaccendere e amplificare antichi antagonismi [che] esistevano già da secoli prima che nascessero gli Stati Uniti. Ma l’America non riesce a capire di essere in fondo irrilevante. E perversa. I vostri vantaggi a breve termine sono le catastrofi a lungo termine del mondo, di tutti, anche di voi stessi. Scusatemi se continuo a dire “voi” parlando di Stati Uniti o di America, mentre in realtà intendo dire il vostro governo. C’è una grande differenza.

JC Certo.

AR Sovrapporre le due cose come ho fatto finora è stupido, sono caduta in una trappola, così è più facile per la gente dire “lei è antiamericana, e anche lui è antiamericano” ma non è vero. Ci sono cose che adoro dell’America. E poi, cosa è in paese? (…) Quando la gente dice America, quale intende? Quella di Bob Dylan o quella di Barack Obama? New Orleans o New York? (…)

JC Secondo me l’estremismo islamico  e l’eccezionalissimo americano vanno a braccetto. Sono come due innamorati.

AR Dormono nello stesso letto in un motel da quattro soldi. (…)

JC Se riesci a fabbricare un nemico veramente malvagio, puoi dire a tutti: ” Guardate quant’è cattivo”.

AR I vostri nemici sono sempre fabbricati per servire ai vostri scopi, no? Come si può avere un amico buono? Bisogna averne uno estremamente cattivo e la sua malvagità deve continuare ad aumentare.

JC Riprodursi come metastasi giusto?

AR Certo. Non si può continuare a dire sempre le stesse cose.

JC Sì, alla fine ti stanchi.

AR Non c’è veramente alternativa alla stupidità. Il cretinismo è il padre del fascismo. Non abbiamo difesa contro i cretini…

Fin qui ci siamo limitati a sintetizzare il primo dei quattro pezzi. Dei tre rimanenti non possiamo che consigliarne vivamente la lettura. Sit back and relax, please…

 

 

 

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in consigli per gli acquisti, recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Usa amore /odio /2

  1. Mauro Poggi ha detto:

    Segnalo quel che dovrebbe essere un piccolo refuso. Terz’ultima osservazione della Roy: “Come si può avere un AMICO buono?”, invece di NEMICO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...