L’insostenibile leggerezza del pancale

Condividiamo quasi tutto… ma non l’ultima riga del documento: “Peccato, era meglio se chi l’ha votato se ne accorgeva prima” > Peccato, era meglio se chi l’ha votato se ne fosse accorto prima

Gli amici di Prato

Abbiamo aspettato. Abbiamo cercato di farci un’idea e abbiamo concluso che ci deve essere un inspiegabile amore viscerale di questa giunta per i pancali.
Nonostante le invettive popolari dell’anno scorso abbiano costretto l’amministrazione a tornare ratta ratta alle luminarie di Cenni, c’è poco da fare: il pancale, da qualche parte, va infilato.

E questa volta è toccato a Piazza del Pesce. Tralasciamo ogni considerazione sull’artista e sull’opera: come tutte le forme d’arte, anche questa è soggetta alle opinioni personali.
Il BUON GUSTO comunemente inteso, invece, è un’altra cosa. Pertanto non ci si può certo meravigliare che una massa di pancali rotti siano presi come tali.
E’ stata ben poca, inoltre, la furbizia nello scegliere un’opera simile in una città dove l’opinione pubblica è colpita dai sacchi neri di rifiuti gettati alla rinfusa in più parti.  Il proposito di riqualificare una piazza del centro usando materiali da discarica quando…

View original post 554 altre parole

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’insostenibile leggerezza del pancale

  1. aldoricci ha detto:

    Documento condivisibile… meno l’ultima riga: “Peccato, era meglio se chi l’ha votato se ne accorgeva prima” > Peccato, era meglio se chi l’ha votato se ne fosse accorto prima…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...