personaggi storici

this isn't happyness

this isn’t happyness

Lara Foletti nostra ex compagna di studi presso la famigerata sociologica facoltà dell’allora Libera Università di Trento, quattro mesi dopo la scomparsa (7 aprile 2014) della comune amica Elvira Banotti, la più radicale femminista italiana, pur essendo Elvira di origine somala  ha scritto una lettera al direttore de il Foglio, pubblicata il due luglio scorso, che qui riproduciamo per via di una certa ironica leggerezza con cui questo ricordo è stato redatto, e al quale aggiungiamo solo questa considerazione: Elvira Banotti più che donna del futuro, va considerata un personaggio storico grazie al quale, le donne del futuro vivranno probabilmente meglio di quanto non siano riuscite a fare fino ad adesso.

Ho conosciuto Elvira Banotti quando studiavo alla facoltà di Sociologia all’università di Trento alla fine del 1969. In Italia era arrivata la Rivolta Femminile esportata dagli Stati Uniti. Avevo visto su l’Espresso tre stupendi visi di giovani donne, Carla, Margie, Elvira Banotti. Finalmente, pensai! Ero arrivata a Trento da un paesino tra le dune comacchìesi e a ’I‘rento avevo trovato maschi che pretendevano le ragazze sessualmente come “diritto proletario”. Andai a Roma per incontrare Elvira Banotti, e con quelle di Cerchio Spezzato la invitammo a Trento. Elvira aveva scritto La sfida femminile che il rettore di allora, Francesco Alberoni, aveva trovato molto interessante. In facoltà, passò bellissima e altera sulla scalinata tra i compagnucci, i quali, in divisa d’ordinanza, come un esercito maoista a riposo, avevano sguardi pieni di odio. In cima alla scalinata, lo studente Aldo Ricci, futuro autore di Contro il 68, le offrì una rosa rossa dicendo: “Alla più bella delle femministe”. Avrei ritrovato Elvira a Roma. Scriveva, lottava per tutte le donne, faceva gesti eclatanti come quando schiaffeggiò un tronfio Tinto Brass in diretta televisiva. Fece uscire dai gangheri un furioso Vittorio Sgarbi. Aveva già affrontato con grinta il “grande” Indro Montanelli, che trovava normale sposare una bambina eritrea di dodici anni. Elvira non temeva nessuno ma tutti temevano lei. Nel gruppo La Città Sessuale, eravamo allegre. Volevamo conquistare il Campidoglio, l’inossidabi1e regno dei rapitori delle Sabine. Passavamo sulle strade romane con un camion dipinto di rosa, un megafono e scritte cubitali. Gli uomini, al nostro passaggio, applaudivano urlando: “Brave, finalmente si scopa!”. Scrivemmo, sulla mia terrazza, tra piante di agrumi e lavande, un testo teatrale per l’Estate romana. Fu accettato, e il comune ci offrì uno spazio al Celio. Giove Pluvio, molto arrabbiato, ci inondò di pioggia per tutte le serate della messa in scena di “Donne di facili costumi”. Ogni serata presentava un’epoca delle vicende patriarcali e una figura femminile di rottura, da Giovanna D’Arco a Marilyn Monroe. Per l’epoca futuribile, nel finale teatrale, su un cubo centrale saliva silenzioso un astronauta, che si toglieva con gesti lenti il casco. Lunghi capelli scivolavano sulle spalle di un’argentea tuta metallica, come in un film con Jane Fonda. Ma a dire il vero, quell’astronauta al centro della scena finale, quella figura femminile ardita e solitaria, era lei, Elvira. Elvira Banotti, una Donna del futuro” – Lara Foletti

 

 

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...