una normale giornata da ricchi

Benedict Drew, Heads May Roll

Benedict Drew, Heads May Roll

Oggi ci siamo levati, come al solito del resto, alle 6,55 e come tutti i lunedì ci siamo recati nella palestra della Blue Clinic, dove impartiscono ginnastica medica, che dobbiamo praticare per rinsaldare i tendini del nostro braccio sinistro… anche se oggi il nostro secondo trainer era assente ingiusti/ficato, e finita l’ora e mezza di palestra soli come cani, non ci siamo potuti recare in piscina, dato che il nostro abituale ma non personal trainer era andato in vacanza… e beato lui, visto & considerato che negli ultimi sei mesi… proprio a causa della nostra affluenza… ci siam potuti permettere un week end di ben tre giorni di villeggiatura.

Non eravamo nemmeno rientrati a casa che il postino, anzi la postina che lo sostituisce visto & considerato anche lui è in vacanza, ci ha consegnato una bolletta Eni luce dei nostri e i vostri occhi, con un conguaglio di 769,87 eurocazzi, da saldare entro e non oltre il 2 luglio prossimo venturo, nonché una diffida da parte dei Vigili Giurati fi/renzini, per una fattura non pagata risalente al mese di maggio.

Sparita la postina è sopraggiunto un operaio della provincia – ma le province on dovevano essere abolite? – il quale, dopo aver spazzato la ghiaia del temporale di stanotte che ingombrava la strada provinciale nella quale confluisce la nostra strada privata, richesse oblige, ci ha avvertito di pulire quanto prima la stessa straduzza dai sassi che trasportati dall’acqua ogni volta che piove, piove, altrimenti dovremmo prepararci a far fronte a oscure sanzioni.

Ci siamo quindi precipitati al computer scoprendo che oltre all’arretrato vigil-giurato-fi/renzino di maggio di 195,20 eurocazzi, dovevamo saldare anche la fattura di giugno con altri 195,20 eurocazzi. Per non dire del conguaglio elettrico Eni che abbiamo cercato di contrattare rivolgendosi al call service. Al quale in genere rispondono gentili operatrici, ma sul più bello della spiegazione, si interrompe la linea e bisogna ordunque richiamare, spesso più volte e quindi ricominciare tutta la spiega un numero imprecisato di volte.

Avevamo già avuto occasione di chiamare l’Eni per farci s/piegare la ragion per cui dobbiamo continuare a pagare, come singoli abitanti della stessa magione già abitata dalla nostra genitrice e dalla sua esimia governante Lucia, più o meno gli stessi importi di pria, e la risposta… indovinate qual’è stata la risposta… “ma il benedetto conguaglio caro signore”- ci ha illuminato la cortese operatrice… alla quale abbiamo altrettanto cortesemente fatto notare tutta la nostra incredulità… ma ciò-nono-state non c’è stato niente da fare… il conguaglio andava pagato a meno che… non fossimo già predisposti a farci tagliare la luce, vero & proprio unico bene dei nostri occhi, perché persino noi ricchi, ancora qualche diritto residuo lo possiamo forse ancora vantare.

Riattacata la cornetta abbiamo attaccato a scrivere una lunga e dettagliata mail ai Vigili Giurati fi/renzini, facendo loro notare che a fronte dei quasi 200 eurocazzi che ci togliamo dalla bocca ogni mese, per la sorveglianza notturna di una magione blindata con tanto di allarmi, il servizio lascia un po’ a desiderare, secondo il moto squisitamente italiota: “Tu paghi e noi non ti forniamo il servizio”… sotto tutti ma proprio tutti i punti di vista… concludendo la missiva minacciando… questo e altro noi, aperte le virgolette ricchi chiuse le virgolette, ci possiamo permettere di fare & disfare… di cambiare compagnia & chi più ne ha più lor lo metta.

Quando abbiamo guardato l’orologio erano ormai le quattro del pomeriggio. Ci siamo quindi predisposti all’uscita, il che significa richiudere tutte le 19 uscite che tra porte e finestre che rallegrano la nostra dimora avita, inserire gli allarmi, un’operazione che comporta dai dieci ai venti minuti di tempo & via discorrendo.

Giunti all’ufficio della posta fiesolana ci siamo accodati ad una coda che si allungava fin sul marciapiede è lì, tra quella piccola folla di simpaticissimi & sorridenti volti di persone giulive di far parte di una comunità il cui reddito è il più alto di tutta la Toscana, abbiamo atteso venti minuti buoni prima di poter accedere allo sportello. Dove pagando il conguaglio Eni, il primo acconto della Tari, l’ultimo, si fa per dire, lo avevamo corrisposto  assieme alla mini Imu, non più tardi del 10 di questo stesso mese, e le due fatture dei Vigili Giurati fi/renzini, per complessivi 1.177,27 eurocazzi. Più o meno quel che ci capita di pagare a giorni quasi alterni. Una vita da ricchi in quest’ex bel paesino del c. e del contro/c, e ci si scusi la terminologia volgare, comporta esborsi continui, che ci volete fare.

Praticamente un’intera giornata dedicata ai pagamenti. Tanto è vero che ora, alle 23 o quasi, una volta postato questo post, dovremo riordinare una scrivania – giocando su diversi tavoli insieme & conteporanea/mente di scrivanie ne abbiamo diverse – ricolma di documenti, comprese le bollette pagate ma da riordinare, senza scordarci di controllare le date ultime dei nuovi pagamenti, come la tassa scaduta dell’auto che non potremo pagare  che dopodomani, dato che domani dovremo lavorare tutto il giorno, perché anche noi ricchi abbiamo i nostri compiti da espletare, oltre a quello precipuo di pagare, pagare, pagare… pagherete caro pagherete tutto… recitava il vecchio ma ancor valido motto… e ci ritroverete sempre qui… proni & pronti a compiere il nostro destino fino all’ultimo cent… poi chissà… chi sopra/viverà vedrà.

Ha ricominciato a piovere, governo ladro…buonanotte

 

 

 

Annunci

Informazioni su aldoricci

"Io gioco pulito ragazzi, ma se vi scopro a barare, vi porto via anche le mutande, e poi vi sparo nel culo!" (Robert Mitchum)
Questa voce è stata pubblicata in fa'n e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a una normale giornata da ricchi

  1. Alfa Omega ha detto:

    Parlando del più e del meno… di tasse e altro… siamo arrivati alla famosa battuta di Totò: ”e io pago”…
    ps/qui non piove ma il Governo è ladro lo stesso… buonanotte

  2. riccardo.b ha detto:

    Gli eurocazzi escono veloci come razzi… replico con rata mutuo di 2200 e sempre cazzi… per una casa che se ci pago il mutuo non è mia… ma delle banche… e ci pago anche le tasse sopra… la banca ci mette il doppio di ipoteca del mutuo che mi ha elargito… poi la mattacchiona va a scontare in Banca of Italiotta… l’ipoteca e becca i soldi… la banca d’Italia crea un fondo immobiliare ad hoc… quando io non ce la faccio più a pagare il mutuo… il fondo immobiliare va in affanno… questa è l’origine dei mutui subprime… ma ora il nostro Fi/Renzi fa di meglio cartolarizza… a fronte del pauroso disavanzo pubblico gli immobili dello stato… vale a dire i musei e le opere d’arte e speriamo anche l’obbrobriosa cupola infame del Brunelleschi… con questi soldi non sfora i diktat perversi della neonata Europe uber alles… ma farà di più… perchè è un mistero che nessuno è riuscito a scoprire… se cioè la banca sempre of Italiotta abbia ceduto le riserve auree… eravamo il quarto paese al mondo per capienza di oro… anche qua di quel che è rimasto… si vende qualcosina… è un impoverimento continuo… un imbuto del nulla… dove i soliti noti… non rimangono con il cerino in mano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...